Scuola Montessori
Internazionale

Oxford Group è associato all'Opera Nazionale Montessori e da oltre 30 anni è il punto di riferimento a Lecce per l'insegnamento secondo il Metodo Montessori

Nido Infanzia Primaria Media Corsi Montessori

Oltre 25 anni
di storia

2000
studenti

Dal Nido
alla Media

Il metodo Montessori

Fulcro centrale del metodo montessoriano è il bambino. L’insegnante gioca un ruolo secondario, poiché non deve mai sostituirsi al piccolo: il suo unico compito è metterlo nella condizione di fare esperienza del mondo che lo circonda e di esprimere e sviluppare le sue potenzialità in modo completo ed efficace. La mente di ogni bambino, infatti, è in grado di cogliere e di assimilare le esperienze esterne e di accrescere, in questo modo, le sue capacità psichiche e intellettuali. Ogni cosa deve essere predisposta per raggiungere quest’obiettivo. L’ambiente scolastico e i materiali di sviluppo devono consentire al bambino di osservare, sperimentare e interiorizzare i concetti. Il percorso di crescita e di evoluzione è unico per ogni bambino. L’adulto lo affianca nel suo processo di maturazione: in funzione dei suoi personali ritmi di sviluppo, propone le diverse attività, guida al potenziamento dell’autonomia e gli insegna a gestirla al meglio.

L'ambiente

In una scuola Montessori regna un clima sereno: i bambini lavorano con tranquillità, sono concentrati sulle loro attività e si relazionano serenamente con i propri compagni. L’ambiente scolastico, concepito come la guida del processo educativo e di sviluppo del bambino, si compone di arredi, strumenti e materiali progettati e costruiti appositamente per i piccoli. Gli spazi, allestiti dall’insegnante sul modello di un’abitazione accogliente, sono tranquilli e accuratamente predisposti con tutto l’occorrente per le diverse attività, affinché ogni bambino possa avvalersene in piena autonomia.

Il materiale di sviluppo

All’interno di una scuola montessoriana non si impiega semplicemente del materiale didattico, ma un vero e proprio materiale di sviluppo, che permette di facilitare l’apprendimento, raffinare i sensi e la percezione del mondo e acquisire in modo più ordinato tutte le impressioni che il bambino coglie. I materiali di sviluppo, sono “la palestra dello spirito”: integrando sviluppo cognitivo, motorio ed emotivo, realizzano il desiderio di scoperta e di conoscenza, esercitando l’intelligenza e la sensorialità del bambino. Oltre a stimolare l’attività dei sensi, i materiali offrono una chiave di esplorazione per linguaggio, scrittura, matematica, ecc.

L'insegnante

Nella scuola Montessori l’insegnante ha il compito fondamentale di mettere al centro il processo di apprendimento dei bambini. Di conseguenza non impone attività, né impartisce ordini, piuttosto è una figura di supporto, che offre stimoli, propone e orienta i propri alunni. Il suo obiettivo è quello di organizzare e osservare la vita psichica e lo sviluppo culturale dei bambini.

La libera scelta

Il principio della libera scelta rappresenta una delle peculiarità del metodo montessoriano, in base al quale il bambino è messo in condizione di decidere autonomamente, sin da piccolo, a quali attività dedicarsi. Una volta aiutato comprendere quali sono i suoi interessi, il bambino sceglie in completa autonomia i materiali che in quel momento sono in grado di soddisfare il suo bisogno interiore di crescita. La libera scelta induce a una maggiore concentrazione e impegno e di conseguenza, a vivere un’esperienza di immensa gioia. Nel momento in cui il bambino perde quella concentrazione e si accorge dell’esistenza di un mondo esterno, lo percepisce come uno spazio per nuove interessanti scoperte. L’interesse, l’impegno e la conseguente soddisfazione nello svolgimento dell’attività prescelta, conducono l’”io” del bambino a spogliarsi, di volta in volta, della timidezza, della paura, della pigrizia, dell’aggressività, portandolo alla scoperta della sua più profonda natura.

L'educazione cosmica

Al fine di soddisfare i bisogni cognitivi del bambino nella fascia di età dai 6 ai 12 anni, Maria Montessori e suo figlio Mario formularono la teoria dell’educazione cosmica, un’indicazione metodologica per l’apprendimento che è anche una vera e propria filosofia, filo conduttore dell’esperienza nella scuola primaria. Secondo i principi dell’educazione cosmica al bambino non vanno trasferite semplicemente nozioni da imparare a memoria, ma bisogna cercare di far nascere in lui un amore e un vivido interesse per la natura e per il mondo in cui vive. L’obiettivo è quello di trasformarlo in un adulto cosciente e attivo nella società. Nel grande ordine dell’universo, ogni elemento ha un compito ben preciso. Educazione cosmica vuol dire offrire ai piccoli la possibilità di fare esperienza del mondo in maniera chiara, completa e approfondita. Così facendo nel bambino si genera una visione responsabile del mondo: cogliendo la bellezza e la complessità dei fenomeni che lo circondano, si sviluppa anche il suo senso di appartenenza al tutto, come soggetto attivo.

Oxford Group ti accompagna
dall'Asilo Nido alla Scuola Media